11 novembre 1961-2018 di Anna Luisa Badalotti

 

Non possiamo non ricordare questo tragico evento  del 1961  che ha coinvolto 2 equipaggi della 46ma Brigata Aerea, durante la prima missione Italiana  umanitaria sotto l’ONU, prima missione  dalla fine della guerra. La 46ma Brigata Aerea ha un legame fraterno con la Brigata Folgore  fondamentale per le proprie attivitá:

“11 NOVEMBRE 1961
STRAGE DI KINDU EX CONGO BELGA.

l
La mattina di sabato 11 novembre 1961 due aerei decollano dalla capitale Leopoldville per portare rifornimento alla piccola guarnigione malese dell’ ONU che controlla l’aeroporto poco lontano da Kindu, ai margini della foresta equatoriale.
È una regione dove i bianchi non stanno volentieri e che da mesi è sconvolta dal passaggio delle truppe di Gizenga provenienti da Stanleyville e diretti nel Katanga. Nessuno è in grado di controllare questi soldati: si ubriacano; sono ossessionati dal terrore dei parà di Ciombè; privi di disciplina, compiono misfatti, ruberie, soprusi; terrorizzano non solo gli europei di Kindu, ma la stessa popolazione indigena.
Gli aerei italiani però non si devono fermare, rientreranno alla base nella stessa giornata, solo il tempo di scaricare e, per gli equipaggi, di mangiare qualcosa.
I due C-119 compaiono nel cielo di Kindu poco dopo le 2 del pomeriggio, fanno alcuni giri sopra l’abitato, poi atterrano.


Da vari giorni in città c’è un’agitazione maggiore del solito.
Fra i duemila soldati congolesi di Kindu si è sparsa la voce che è imminente un lancio di paracadutisti mercenari di Ciombe; da tempo le truppe di Gizenga che operano nel nord del Katanga, 500 chilometri più a sud, sono bombardati dagli aerei katanghesi.
Quando, il sabato, vedono volteggiare in cielo i due aerei, la paura dei congolesi aumenta; il sospetto diventa certezza: sono i parà.
Il terrore e il furore s’impossessano dei soldati, che saltano sui camion e vanno all’aeroporto e poi alla mensa dell’ONU, una villetta distante un chilometro, dove il maggiore Parmeggiani e gli altri italiani si sono recati in compagnia del maggiore Maud, comandante del presidio malese.
All’arrivo dei congolesi, sempre più numerosi e minacciosi, gli italiani che sono disarmati, cercano di barricarsi all’interno dell’edificio ma vengono catturati.
I pochi malesi di guardia vengono disarmati e malmenati. Il primo a morire è il tenente medico Remotti che tenta di fuggire.
I dodici italiani superstiti vengono assaliti; poi pesti e sanguinanti, con il cadavere di Remotti, vengono caricati su due camion, portati in città, e scaricati dove termina la via principale, L’Avenue Lumumba Liberateur, davanti alla prigione, una costruzione bassa di mattoni rossi circondata da una muraglia.
Alle prime luci della sera i militari italiani vengono finiti con due raffiche di mitra. Poi una folla inferocita si scaglia sui corpi martoriati e ne fa scempio a colpi di machete.
Nel 1994 è stata riconosciuta alla loro memoria la Medaglia d’Oro al Valore Militare. Ecco i :

Onorio De Luca, sottotenente pilota, 25 anni;
Filippo Di Giovanni, maresciallo motorista, 42 anni;
Armando Fabi, sergente maggiore elettromeccanico di bordo, 30 anni;
Giulio Garbati, sottotenente pilota, 22 anni;
Giorgio Gonelli, capitano pilota, 31 anni, vicecomandante;
Antonio Mamone, sergente marconista, 28 anni;
Martano Marcacci, sergente elettromeccanico di bordo, 27 anni;
Nazzareno Quadrumani, maresciallo motorista (nato a Montefalco – Perugia), 42 anni;
Francesco Paga, sergente marconista, 31 anni;
Amedeo Parmeggiani, maggiore pilota, 43 anni, comandante dei due equipaggi;
Silvestro Possenti, sergente maggiore montatore, 40 anni;
Francesco Paolo Remotti, tenente medico, 29 anni;
Nicola Stigliani, sergente maggiore montatore, 30 anni.

Solo nel 2007, i parenti delle vittime hanno ottenuto una legge sul risarcimento. Un monumento ai caduti di Kindu si trova all’ingresso dell’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci, a Fiumicino; un altro è stato eretto a Pisa.

NOI NON ABBIAMO DIMENTICATO !
ONORI !”  da Amici delle.forze dell’ordine  gruppo fb

 

Comments are closed.